Art director da 32 anni. Nel 1993 ideavo campagne per la SIP, oggi TELECOM

  • 0
  • settembre 1, 2015
Direttore-creativo-per-campagna-Telecom-quando-si-chiamava-Sip

Art director da 32 anni.

Nel 1993 ideavo campagne per la SIP, oggi TELECOM 

Direttore creativo di Ad Concord Spa dal 1984 al 1996. Qui creo per Sip/TelecomCoca ColaFantaFerreroDe Cecco e dirigo un team di 20 creativi.
Art-Director-per-advertising-nazionale-della-Sip,-oggi-Telecom
Colgo l’occasione per ringraziare i miei maestri, a loro devo la mia formazione. Hanno creduto in me e soprattutto hanno avuto il grande merito di investire il loro tempo per fornirmi le basi necessarie a fare il grande salto. Parlo di Angelo Erriquez (art director e fotografo), Enzo Tempesta (direttore creativo) e Paolo Racano (direttore creativo). Angelo Erriquez, lo definisco mago degli allineamenti, grafico molto rigoroso. Erano i tempi della camera oscura, dei trasferibili. Non dimentico le ore passate tra reprocamera e acidi poco profumati. E’ stata comunque un’attività che ricordo con piacere e che mi ha allenato alla precisione. Operazioni fatte al buio con qualche neon rosso per controllare le procedure. Ho vissuto tutti i processi manuali per arrivare alla realizzazione di un annuncio pubblicitario, quello che oggi facciamo utilizzando un computer da tavolo. Negli anni 80 dovevi saper usare la camera oscura, i trasferibili, le forbici, i rapidograph, i pennarelli colorati, il tecnigrafo, soprattutto dovevi saper disegnare… e naturalmente usare la testa per ideare il messaggio che doveva comunque rispondere a strategie di marketing.
Poi l’esperienza di due anni in Studio 9 e quì ho approfondito come si crea e di cosa si compone un annuncio pubblicitario. Ho imparato da Enzo Tempesta, lui ha saputo guidarmi. Ho capito cos’era una headline, il visual, il marchio-logo, il payoff e come questi andavano dosati in un annuncio. Perché scegliere un fontpiuttosto che un altro. Da Paolo Racano, art director ed illustratore, ho appreso importanti nozioni estetiche, era un genio nell’uso dei pennarelli ad acqua, il suo tecnigrafo era invaso da pennarelli, pastelli, acquerelli, pennini e colori di ogni tipo.
know-how-di-art-direction-for-advertising-campaign
Direttore-creativo-di-campagna-pubblicitaria-per-istituto-bancario.-nel-1992
Questi importanti esperienze mi hanno permesso di accettare nel 1984 la direzione creativa di Ad Concord Spa. Una rapida escalation ci portò ad essere l’unica agenzia Assap nel meridione. Quindi una lunga militanza nell’ambito della comunicazione pubblicitaria fa oggi di me il fotografo di moda che raccoglie tutta l’esperienza di questi 32 anni da sommare agli studi giovanili vissuti tra il liceo artistico e l’accademia di belle arti. Sfogliare l’album dei ricordi e trovare nel 1993 diverse mie campagne nazionali per la SIP, oggi TELECOM mi riempie di soddisfazione, e poi Coca Cola, Fanta, Ferrero, De Cecco, Cassa di Risparmio di Puglia e tanti altri. A seguire espando l’esperienza dando vita ad un percorso imprenditoriale durante il quale aggiungo la mia grande passione per la fotografia. Qui creo, scrivo, fotografo e dirigo per Natuzzi Spa, PrimadonnaCollection, Sweet YearsBaci & Abbracci ecc.
Art-director-di-campagna-pubblicitaria-per-istituto-bancario.-nel-1992
Direttore-creativo-di-campagna-pubblicitaria-nazionale-per-gruppo-Carime.-nel-1992
Adesso dirigo il mio Fanilab, uno studio di 300 mq nelle campagne del barese che affaccia su una distesa di ulivi a perdita d’occhio.
In sostanza le esperienze di fotografo di moda e di art director oggi convivono felicemente. Posso agevolmente coordinare tutte le esigenze di un brand di moda e non: dallo studio del naming, del logo-marchio e dell’advertising, per giungere alla fotografia e alla regia di filmati pubblicitari.

Leave a Reply